ESPLORANDO LA TUA PERSEFONE
ESPLORANDO LA TUA PERSEFONE… Sulla leggenda di Persefone ho già scritto nell’articolo di esplorazione di Demetra, la madre. Per cui per eventuali approfondimenti ti rimando a quell’articolo all’interno del mio blog. Persefone è la sesta dea che esploriamo nel percorso “Donne che vedono nel buio”, fa parte delle dee vulnerabili ed è stata per quasi duemila anni la figura centrale dei Misteri Eleusini: celebrazioni durante le quali si viveva l’esperienza del ritorno o del...

ESPLORANDO LA TUA DEMETRA...
ESPLORANDO LA TUA DEMETRA… Demetra…la seconda dea vulnerabile che esploriamo nel percorso “Donne che vedono nel buio”. Demetra rappresenta l’abbondanza dei raccolti. Dea delle messi, nutrice e madre. “Quella temibile dea dagli splendidi capelli e dalla spada d’oro” – viene così descritta da Omero. La spada rappresenta il covone di grano maturo che era il suo simbolo principale. Figlia di Crono, anche lei da lui inghiottita, fu anche la quarta consorte di Zeus e dalla loro...

ESPLORANDO LA TUA ERA...
Innata nella dea è la ciclicità. Quando la donna riscopre in sé questa risorsa, rispettando i suoi tempi interni può rendersi libera da un punto di vista emotivo e ricominciare da capo, sia sul piano concreto che internamente: se comprende questa possibilità archetipica può lasciare andare il bisogno di essere moglie o l’aspettativa di una realizzazione personale attraverso questo ruolo. E ricominciare, da se stessa e con se stessa.

ESPLORANDO LA TUA ESTIA...
Il fatto che Estia non abbia bisogno di attenzioni e viva serenamente nell’anonimato pur avendo un ruolo centrale non significa ovviamente che la donna Estia non abbia bisogno di cura. Il sentirsi dare per scontata non la lascia indifferente. Il fuoco sacro, simbolo del suo archetipo, da cui tutto si genera, va coltivato e curato. L’essere svalutata ha effetti estremamente negativi in lei come in qualsiasi donna.

MEDITARE: UN PRIVILEGIO E UNA MEDICINA PER L'ANIMA
Incontrare la Meditazine è incontrare la Medicina per eccellenza, è come ricevere una benedizione che resterà con te per sempre: nessuno potrà mai toglierti ciò che vive e cresce dentro di te. Ovunque tu sarai, in qualunque circostanza ti troverai, lo spazio della meditazione sarà accessibile a te.

SONO COME TU MI VUOI?
Ho sperimentato direttamente (con buona pace della mia salvatrice) che nel momento in cui ho scelto consapevolmente di togliere la salvatrice di mezzo, le persone che stavo disperatamente cercando di salvare si sono salvate da sole e io ho potuto dedicarmi interamente alla mia fioritura, godendo nel vedere l’altro risplendere e rendendomi conto che tutto ciò che posso veramente fare per l’altro è tenere per mano me stessa. Non abbandonarmi più. Nemmeno per un attimo.

ESPLORANDO LA TUA ATENA…
Perché nella donna vi sia equilibrio è necessario che Atena sia uno dei molti archetipi attivi e non il solo. In questo modo si può alleare con le altre dee. Se nel bel mezzo di un’esplosione emotiva la donna riesce a richiamare Atena come risorsa, riuscirà a viversi la manifestazione delle sue emozioni senza negarsi la lucidità necessaria. In questo modo avrà integrato diversi aspetti di sé a suo vantaggio.

ESPLORANDO LA TUA ARTEMIDE...
Essere donna, per me, è un onore oltre che un piacere. Viviamo ancora in un’epoca patriarcale in cui la donna incontra non poche difficoltà e io sogno un mondo in cui femminile e maschile, donne e uomini, integrino a vicenda i loro doni, le loro virtù, si sostengano nella fioritura le une degli altri, contribuendo a creare spazi creativi, nutrienti, fondati sul rispetto e sulla fiducia reciproca. Possiamo iniziare a vedere in noi, il cambiamento che desideriamo vedere fuori.

MEDITAZIONE E TRANELLI
Le tecniche di Meditazione sono un ponte, un aiuto, come anche le tecniche di respiro consapevole. Un ponte tra cosa? Tra ciò che penso di essere e ciò che sono. Tra mente e spirito. Tra corpo e anima. Le tecniche, servono per preparare il campo affinché questo stato di "vuoto pieno" possa emergere spontaneamente. Non è qualcosa che faccio, è qualcosa a cui permetto di manifestarsi. Ma anche le tecniche Meditazione hanno i loro "tranelli": esche alle quali la mente si aggancia per manipolare.

In modo più o mento intenso, siamo tutti coinvolti in quest’inversione di marcia che sta avvenendo grazie ad un’altra grande Maestra: la Morte. E’ Lei, che smuove animi, paure, ire funeste, nevrosi, egoismi ma anche aperture, consapevolezze, risorse, forza, amore per la vita, attenzione al prossimo.

Mostra altro